Informazioni Utili

L'ufficio relazioni col pubblico é aperto:
Lun. 8.30/13.00
Gio. 8.30/13.00 – 14.00/18.00

Pronto Intervento: Tel: 059891820

Responsabili di area e Dirigenti ricevono solo su appuntamento.

Richiedi informazioni

AFFITTO CASA GARANTITO - AGENZIA CASA di ACER MODENA

in collaborazione con i territori e i Comuni di:

CASTELFRANCO EMILIA

MIRANDOLA

UNIONE DELLE TERRE D’ARGINE: CAMPOGALLIANO CARPI NOVI SOLIERA 

UNIONE DEI COMUNI DEL SORBARA: BASTIGLIA BOMPORTO NONANTOLA RAVARINO

L’iniziativa Affitto Casa Garantito (ACG) ha preso avvio nel 2003.
E' gestita operativamente dall'Agenzia Casa di Acer Modena
Ha lo scopo di fornire alloggi di proprietari privati ad inquilini selezionati, realizzando condizioni di vantaggio per entrambe le parti.
Tale conseguimento è possibile attraverso l’uso di garanzie economiche, tutele legali, sgravi fiscali, agevolazioni operative, canone concordato  e ribassato.
Le risorse necessarie sono messe a disposizione dai Comuni e da altri Enti e Associazioni anche private aderenti all’iniziativa, e sono gestite da ACER Modena.
I contratti di locazione sono stipulati tra privati (proprietari e inquilini) con ACER che firma in qualità di garante e gestisce l’avvio e l’andamento del contratto nel tempo.
 

GLI “ALLOGGI IN GARANZIA” SONO DIFFERENTI DA QUELLI “AFFITTO CASA GARANTITO”

IMPORTANTE: IN ALCUNI TERRITORI SONO ATTIVI PROGETTI DEFINITI COME “ALLOGGI IN GARANZIA”  CHE PRESENTANO CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO ANCHE MOLTO DIFFERENTE RISPETTO ALL’INIZIATIVA “AFFITTO CASA GARANTITO”.

·         Per FIORANO MODENESE i “Contratti in Garanzia” sono attivi da 2014. Per tale progetto al momento NON si prendono in considerazione offerte di alloggi da parte dei privati. Gli inquilini che ne avessero necessità possono rivolgersi ai Servizi Sociali del Comune di Fiorano presso Villa Pace – Via Marconi 106.

·         Per l’UNIONE DEL SORBARA – al momento nei due comuni di BOMPORTO e NONANTOLA  - è attivo dal 2016 il progetto “Un Alloggio in Garanzia”.  Gli inquilini sono individuati direttamente dai Servizi Sociali. I PROPRIETARI che avessero disponibilità di alloggi su tali comuni possono rivolgersi ad ACER Modena per avere maggiori informazioni sul tipo di garanzie offerte e sulle condizioni contrattuali.

 

Alla sezione MODULISTICA AFFITTO CASA GARANTITO del sito ACER Modena è possibile scaricare documentazione con informazioni specifiche e di dettaglio valide nei diversi territori e Comuni aderenti all’iniziativa ACG: Accordi Territoriali, Contratti Tipo, Sintesi delle garanzie prestate e dei vari aspetti operativi per giungere alla stipula del contratto.
Una informazione specifica è dedicata al tema della  TASSAZIONE ORDINARIA  sugli immobili in affitto e alla CEDOLARE SECCA .
Informazioni su Affitto Casa Garantito: ACER - Viale Cialdini 5 - 41123 Modena
tel. 059 891 809 oppure 059 891 863 - affitto.garantito@aziendacasamo.it
 
Di seguito si riportano le domande frequenti e le risposte sintetiche in tema di ACG.
Chi non trovasse qui quanto cerca può inviare il proprio quesito - indicando nome e cognome, fornendo un recapito telefonico e indicando il comune di ubicazione dell’alloggio - alla mail istituzionale: affitto.garantito@aziendacasamo.it
 

GLI ALLOGGI PER L’AFFITTO

Perché affidare il mio appartamento all’Agenzia Casa – ACG
Molti proprietari preferiscono tenere alloggi vuoti per la paura di non riuscire a riscuotere regolarmente l’affitto, di pagare spese condominiali non dovute, di subire danneggiamenti, di dovere affrontare costosi iter legali per liberare l’alloggio in caso di necessità. Grazie all’Agenzia Casa – Affitto Garantito il proprietario è tutelato nei confronti della maggior parte di questi rischi, entro massimali prestabiliti per i diversi comuni aderenti all’iniziativa.
 
Quali sono i territori e i Comuni aderenti all’iniziativa ACG
Unione delle Terre d’Argine con i comuni di CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI, SOLIERA.
Unione del Sorbara, con i comuni di: BASTIGLIA, BOMPORTO, NONANTOLA, RAVARINO.
Il comune di CASTELFRANCO EMILIA.
Il comune di MIRANDOLA.
 
Il Fondo di Garanzia
I diversi Comuni e territori aderenti ad ACG hanno istituito dei fondi di garanzia per dare tutela ai proprietari degli alloggi messi da loro a disposizione dell’iniziativa.La tipologia di copertura delle garanzie non è identica nei diversi territori, ma in tutti i casi si ha un valore di 6.000 euro (SEIMILA) con tutela per i primi 6 anni di contratto di affitto. 
 
Vantaggi e Garanzie
Copertura di garanzia per eventuali:
  • morosità da parte del conduttore dell’alloggio  
  • insolvenze relative a spese condominiali e oneri accessori
  • danni all’immobile (non previsto per i comuni delle Terre d’Argine)
  • spese legali e procedurali sia per il recupero della morosità che per lo sfratto e l’eventuale rilascio dell’alloggio.
 
Le parti coinvolte nel contratto di locazione
Il contratto di affitto è stipulato direttamente tra proprietario e inquilino.
ACER Modena firma anch’essa il contratto in qualità di garante, per fare rispettare quanto pattuito e per gestire le garanzie indicate sul contratto. 
ACER offre consulenza tecnico-amministrativa per la gestione del contratto.
 
Il valore del canone di affitto
L’affitto viene calcolato da ACER Modena basandosi sugli accordi territoriali dei diversi Comuni della provincia di Modena, sottoscritti ai sensi della legge n. 431 del 09.12.1998 tra Enti Locali, Associazioni dell’inquilinato e della proprietà. Ogni territorio comunale dispone di proprie tabelle di calcolo standard, alle quali vengono applicate riduzioni proprie delle diverse iniziative ACG. A seconda dei comuni di ubicazione dell’alloggio si applicano riduzioni di non meno del 15-20%. Il proprietario decide se accettare o meno la proposta di canone formulata da ACER. In caso di assenso, tale canone di affitto sarà quello che viene indicato agli inquilini.
 
Il deposito cauzionale
A seconda dei comuni, è stabilito un deposito cauzionale pari a 2 o 3 mensilità, che l’inquilino corrisponde al proprietario prima della firma del contratto di locazione.
 
Come si riscuote l’affitto
Il canone di affitto viene pagato direttamente dall’inquilino al proprietario.
 
Se l’inquilino non paga l’affitto
In caso di mancato pagamento, il proprietario avvisa ACER Modena che si mette in contatto e sollecita l’inquilino al pagamento immediato. In caso di perdurante morosità, viene attivato l’intervento legale verso l’inquilino per l’ottenimento degli affitti mancanti. Se l’inquilino non paga nei termini stabiliti dal Tribunale, si procede con lo sfratto per morosità. Uno sfratto per morosità in genere prende all’incirca un anno di tempo dall’avvio del procedimento legale. Prima dell’avvio del percorso legale occorre comunicare ad ACER lo Studio Legale scelto, utilizzando il modulo  ATTIVAZIONE VIE LEGALI PER ACG
 
Quando riceverò le somme della garanzia
Dopo attivato il procedimento legale e liberato l’alloggio dall’inquilino inadempiente, ACER insieme alla proprietà procede al riepilogo delle pendenze già segnalate (affitti arretrati, condominiali non pagate, eventuali danni, spese legali, cauzione in essere). Verificate le pendenze effettive al netto del deposito cauzionale residuo e verificati i massimali della garanzia, ACER procede quindi a fare bonifico al proprietario sul conto corrente da lui indicato. Per richiedere il rimborso va utilizzato il modulo di  COMUNICAZIONE AD ACER DI MOROSITA’ E COSTI PER GARANZIA ACG
 
Le spese condominiali
Le spese condomini di conduzione sono in carico all’inquilino, che quindi ha l’onere di pagarle. Chi amministra il condominio deve richiedere periodicamente il pagamento di tali spese. Se l’inquilino non paga, ai fini legali tali oneri contribuiscono a determinare la morosità, come fosse affitto non pagato. Quindi, accumulandosi un valore di spese condominiali corrispondenti al valore di due mesi di affitto, si potrà procedere come per gli affitti non pagati (richiamo, Tribunale, eventuale sfratto per morosità). Prima dell’avvio del percorso legale occorre comunicare ad ACER lo Studio Legale scelto, utilizzando il modulo  ATTIVAZIONE VIE LEGALI PER ACG.
 
E se avessi bisogno di riavere il mio appartamento
Nel caso in cui il locatario avesse bisogno di rientrare in possesso del proprio appartamento - ad esempio perché un figlio si sposa e ha necessità dell’alloggio, o si deve ristrutturare l’edificio, o si intende vendere o comunque il proprietario esprime tale necessità - l’Agenzia si impegna ad offrire una soluzione alternativa agli affittuari per liberare l’alloggio nel minor tempo possibile.
 
Disdetta del contratto
Per la disdetta del contratto di affitto deve essere spedita dal proprietario/locatore all’inquilino una lettera datata e firmata, attraverso raccomandata con ricevuta di ritorno (ricevuta e lettera da conservare) almeno 6 mesi prima della scadenza del periodo contrattuale. Si rammenta che fa fede la data del timbro postale. 
 
L’inquilino che non vuole uscire alla scadenza
Se l’inquilino non volesse uscire dopo l’invio della lettera di disdetta al termine dei primi 3 anni di locazione oppure al termine dei primi 5 anni, è possibile attivare il procedimento di sfratto per finita locazione con copertura delle garanzie attiva. Prima dell’avvio del percorso legale occorre comunicare ad ACER  lo Studio Legale scelto, utilizzando il modulo  ATTIVAZIONE VIE LEGALI PER ACG.
 
La scelta dell’inquilino
L’abbinamento tra proprietario ed inquilino viene in genere svolto da ACER in collaborazione con gli Uffici Casa dei Comuni aderenti, e sempre d'intesa con il proprietario. Il criterio principale è quello della sostenibilità dell’affitto rispetto al reddito, e naturalmente dell’adeguatezza tecnica e ambientale dell’alloggio rispetto alle esigenze e caratteristiche degli inquilini. In nessun caso un inquilino può venire imposto al proprietario.
E’ anche possibile che un proprietario presenti un inquilino di propria conoscenza per il contratto di locazione; se l’inquilino ne avrà i requisiti (la cosa viene verificata dagli Uffici Casa dei Comuni) si potrà fare il contratto ACG
 
Come deve essere l’alloggio che si mette a disposizione e la documentazione
L’alloggio si deve presentare in buono stato, senza pecche strutturali, utilizzabile e abitabile senza particolari problemi. Alla data di stipula del contratto di locazione l’alloggio deve essere dotato delle certificazioni obbligatorie:

· Attestato di prestazione energetica, detto APE

· Certificazione di conformità (o di Rispondenza alle norme) dell’impianto elettrico

· Certificazione di conformità (o di Rispondenza alle norme) dell’impianto gas/termoidraulico

Nelle certificazioni di Conformità o di Rispondenza degli impianti alle norme deve essere indicato che l’impianto è stato controllato ai fini della sicurezza.Il proprietario deve avere il dato della superficie calpestabile dell’alloggio, oppure una mappa quotata dell’alloggio, o una mappa in scala sufficientemente leggibile e misurabile.

Imposte locali ridotte per chi affitta in ambito ACG
Diversi Comuni aderenti all'iniziativa Affitto casa Garantito hanno disposto diminuzioni nei tributi locali sulla casa. Ogni Comune decide in autonomia, anno per anno, le aliquote: in genere nei mesi di maggio-giugno per lo stesso anno tributario/fiscale.
Per avere informazioni certe e chiare, vista anche la variabilità di situazioni e il loro mutare nel tempo è sempre consigliabile rivolgersi direttamente all’  UFFICIO TRIBUTI DEL COMUNE  dove è ubicato l’alloggio e per il quale è stato sottoscritto un contratto a canone concordate ribassato nell’ambito dell’iniziativa ACER - Affitto Casa Garantito.  Rivolgendosi a tali uffici è sempre utile precisare chiaramente che il “contratto di locazione 3+2” è stipulato nell’ambito di iniziative promosse dagli stessi Comuni in collaborazione con i Servizi Sociali e gli Uffici Casa. 
 
Spese da sostenere per la registrazione del contratto
In regime di  CEDOLARE SECCA  non si hanno costi di registrazione del contratto di affitto, e nemmeno la tassa di registro annuale per i periodi successivi.
In   REGIME FISCALE ORDINARIO   abbiamo indicativamente 350-400 euro di spese per registrazione del contratto (tassa di registro, imposta sulla garanzia, bolli). Inoltre si deve pagare annualmente la tassa di registro, che dipende dal valore dell’affitto (in genere si paga dai 60 ai 100 euro annui). Tutte queste spese vanno divise a metà tra proprietario e inquilino.
 
Cosa fare per richiedere la valutazione dell’alloggio
Richiedere la valutazione dell’alloggio è volutamente semplice. Occorre sapere come è composto l’alloggio che si intenderebbe affittare. Il proprietario deve procurarsi la superficie calpestabile dell’alloggio (la somma dei metri quadrati delle stanze che compongono l’alloggio). A quel punto si può contattare ACER direttamente, allo sportello decentrato, in ufficio a Modena, per email, per telefono, e richiedere la valutazione.
Se il proprietario non dispone della superficie calpestabile dell’alloggio deve procurarsi una mappa quotata oppure in scala dell’alloggio stesso, fornendola poi ad ACER per rilevare tale superficie. In alternativa, il dato è riscontrabile sul Certificato di Prestazione Energetica e corrisponde in genere alla “superficie utile riscaldata”.
Per facilitare ai proprietari il riepilogo dei dati necessari sull’alloggio, ACER Modena ha predisposto uno specifico MODULO DI AUTOCERTIFICAZIONE DEI DATI DELL’ALLOGGIO  
 

I RICHIEDENTI ALLOGGIO - INQUILINI

Perché rivolgersi all’Agenzia Casa – Affitto Garantito
Molte famiglie, pur beneficiando di un reddito, faticano a sostenere i prezzi del libero mercato, così come anche i lavoratori in mobilità e le persone sole. L’Agenzia offre a queste persone alloggi di privati con canoni d’affitto più vantaggiosi, senza trappole.
 
Che requisiti avere per fare domanda
In via di massima, per potere accedere al servizio occorre avere la residenza nell’ambito del comune (o dell’Unione) di interesse o svolgere attività lavorativa nel comune dove si cerca alloggio; non essere proprietari di immobili e non essere titolari di diritti di usufrutto, uso, abitazione su immobili ubicati nell’ambito comunale o limitrofo; non risultare con sfratto in corso per morosità. Occorre avere un reddito che consenta di pagare l’affitto. In alcuni comuni sono previsti limiti minimi e massimi di ISE/ISEE.
Occorre verificare il dettaglio dei requisiti richiesti agli inquilini presso gli Uffici Casa dei Comuni aderenti all’iniziativa ACG.
 
L’affitto
L’affitto viene calcolato da ACER Modena basandosi sugli accordi territoriali dei diversi Comuni della provincia di Modena, sottoscritti ai sensi della legge n. 431 del 09.12.1998 tra Enti Locali, Associazioni dell’inquilinato e della proprietà. Ogni territorio comunale dispone di proprie tabelle di calcolo standard, alle quali vengono applicate riduzioni proprie delle diverse iniziative ACG. A seconda dei comuni di ubicazione dell’alloggio si applicano riduzioni di non meno del 15-20%. In via di massima si va dai 300 euro/mese per alloggi in fascia minima e di piccole dimensioni (1 stanza da letto, oppure monolocali) ad alloggi di maggiore dimensione sui 400/450 euro mese, fino ad alloggi di grande dimensione e in fascia massima per i quali l’affitto può aggirarsi tra i 500 e i 600 euro/mese.
La disponibilità di alloggi dipende dal fatto che siano stati offerti da proprietari ad ACER; l’entrata di una determinata tipologia di alloggio ad un dato costo massimo non è prevedibile.
 
Spese di condominio
Al canone di affitto si aggiungono le spese condominiali a carico dell’inquilino, che possono variare dai 10-20 euro al mese (molto raro) a casi più diffusi di costi tra 50 e gli 80 euro mese, fino ai condomini più costosi perché dotati di riscaldamento centralizzato e ascensore (130-180 euro/mese, e talvolta anche oltre).
Il costo condominiale è determinato essenzialmente dalla struttura stessa di un fabbricato e dei suoi impianti, oltre che delle aree cortilive o a giardino che hanno dei costi di manutenzione ordinaria. Si rammenta che il costo condominiale è più elevato quando è presente il riscaldamento centralizzato; allo stesso modo si ricorda che il costo del riscaldamento autonomo non condominiale può oscillare tra i 600 e gli 800 euro per anno, con un uso attento della caldaia.
Inoltre il costo condominiale è più elevato se è presente un ascensore, con la spesa di competenza che varia sensibilmente salendo di piano.
 
Come si paga l’affitto
L’affitto viene pagato direttamente dall'inquilino al proprietario dall’inquilino, secondo le modalità che verranno stabilite di comune accordo tra le parti. Il bonifico è sempre preferibile, ma non è l’unica possibilità di pagamento.
 
Quanto dura il contratto d’affitto
Come prevede la normativa che regola il canone concertato, il contratto avrà durata di anni 3+2 (legge n. 431 del 09.12.1998). Dopo i primi 5 anni il contratto è prorogabile di triennio in triennio, se le parti sono d’accordo nel proseguire la locazione.
 
Il deposito cauzionale
E’ previsto un deposito cauzionale pari ad un massimo di tre mensilità. In alcuni comuni il deposito cauzionale è previsto in due mensilità (si vedano gli specifici accordi e contratti ACG). Tale deposito, consegnato al proprietario al momento della stipula del contratto, verrà restituito all’inquilino a cessazione della locazione dopo aver verificato che l’alloggio non abbia subito danni.
 
Spese da sostenere per la registrazione del contratto
In regime di CEDOLARE SECCA non si hanno costi di registrazione del contratto di affitto, e nemmeno la tassa di registro annuale per i periodi successivi.
In REGIME FISCALE ORDINARIO  abbiamo indicativamente 350-400 euro di spese per registrazione del contratto (tassa di registro, imposta sulla garanzia, bolli). Inoltre si deve pagare annualmente la tassa di registro, che dipende dal valore dell’affitto (in genere si paga dai 60 ai 100 euro annui). Questa spesa va divisa a metà tra proprietario e inquilino.
Solo i privati (persone fisiche) possono aderire alla cedolare secca.
La scelta è esclusiva del proprietario.

A CHI RIVOLGERSI PER INFORMAZIONI SUI TRIBUTI LOCALI SULLA CASA E SULLE POSSIBILI RIDUZIONI

Diversi Comuni aderenti all’iniziativa Affitto Garantito hanno disposto riduzioni nei tributi locali sulla casa.
Ogni Comune decide in autonomia, anno per anno, le aliquote.
Per informazioni certe e chiare è consigliabile rivolgersi direttamente all’ UFFICIO TRIBUTI DEL COMUNE  dove è ubicato l’alloggio per il quale è stato sottoscritto o si intende sottoscrivere un contratto a canone concordate ribassato e con l’iniziativa ACER - Affitto Casa Garantito.  

A CHI RIVOLGERSI IN ACER MODENA per ACG (soprattutto proprietari)

ACER Modena - Agenzia Casa – Affitto Casa Garantito – Viale Cialdini 5 – 41123 Modena
Tel. 059 891 809 – 059 891 863 – email: affitto.garantito@aziendacasamo.it
Per inoltro di documentazione via FAX: 059 891 869

A CHI RIVOLGERSI NEI COMUNI ADERENTI per ACG (soprattutto inquilini)

Presso gli Uffici Casa dei comuni di residenza.
Per i recapiti specifici si vedano le informazioni nella documentazione alla sezione MODULISTICA del presente sito ACER.

 

PER ACCEDERE ALLA SEZIONE MODULISTICA SELEZIONARE IL SEGUENTE  LINK 


pubblica annuncio